Lay- out di magazzino

Durante la fase di studio di un magazzino bisogna prevedere determinate aree chiamate magazzini e queste si possono dividere in:

  • Ricevimento merci

Al momento dell'arrivo, tutte le merci vengono collocate nello spazio specifico. A questo punto l'operazione primaria è quella di verificare che le merci ricevute corrispondano prima al documento di trasporto poi all' ordine sia per qualità che per quantità.

Successivamente possiamo procedere all' eliminazione della consegna dalla lista delle merci di cui siamo in attesa. Grazie ad un sistema informativo che raccoglie i dati in rete, possiamo avere in ogni momento l'ammontare dei costi, dei debiti e la quantità dei beni per le diverse fasi produttive.

Inizia poi la fase di smaltimento dei beni che deve essere effettuata con la massima rapidità per evitare tempi morti di stanziamento che potrebbero comportare costi relativi a rallentamenti della produzione.

  • Magazzino collaudo

Ogni impresa deve controllare le merci ricevute, specialmente se si tratta di compartimenti di elevata precisione: questo è il CONTROLLO DI QUALITÁ che solitamente viene fatto su un campione della partita di merce (lotto). Tali campioni sono raccolti in via provvisoria in tale magazzino che è quindi di dimensioni ridotte.

Nel caso in cui i materiali differiscano in modo notevole dall'ordine si procede alla loro restituzione sospendendo il pagamento e segnalando difetti riscontrati nell'apposito VERBALE DI COLLAUDO

  • Magazzino centrale


Il magazzino centrale accoglie le merci e i prodotti finiti destinati alla vendita. Questo è il magazzino principale dell'azienda e, in quanto tale, deve avere un funzionamento efficiente e razionale. Nelle imprese mercantili questo magazzino è indispensabile per la continuazione della distribuzione e la soddisfazione delle esigenze dei clienti, mentre nelle imprese industriali il magazzino delle materie prime è gestito separatamente quello dei prodotti finiti.

  • Magazzino dei materiali di consumo


Si trova prevalentemente nelle imprese industriali e accoglie i materiali necessari alle attività che vengono svolte sia all' interno che all' esterno. Per esempio vi troviamo le scorte di cancelleria, l' altro materiale di supporto dell'attrezzatura produttiva e diverse attrezzature di manutenzione.

  • Magazzino dei semilavorati

Questo magazzino riceve prodotti per i quali il processo di trasformazione non è stato ancora ultimato. Se si tratta di semilavorati già di per se idonei alla vendita, allora la loro permanenza risulta più' lunga rispetto agli altri beni che invece sostano in magazzino per tempi generalmente brevi.

  • Magazzino della produzione e del montaggio


Può essere definito anche magazzino della catena di lavoro dato che alcune imprese, per evitare interruzioni nel processo di trasformazione dovuti alla lontananza del magazzino centrale, predispongono nel reparto produttivo uno specifico deposito contenente dei materiali di produzione.

  • Magazzino dei ricambi e assistenza ai clienti

Riceve il materiale di ricambio necessario ad improvvisi interventi presso la clientela. Inoltre può avvenire che un macchinario provochi un arresto della produzione, causando ingenti perdite, cosi viene riparato utilizzando i ricambi a disposizione in questo reparto.

  • Magazzino spedizione


É il magazzino all' interno del quale vengono accolte le casse, i container e i colli che devono essere spediti o ritirati dai clienti. Di solito questo magazzino è affiancato da un reparto d' imballaggio per merce da spedire e da un ufficio di controllo per l'emissione dei documenti necessari alla vendita.



1 visualizzazione
Fenice
Via Francesco Daverio, 70
21100 Varese
P.iva:  03768260121
Tel:     +39 342 0417242
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook